Bimbo abbandonato dalla madre davanti al supermercato: ecco cosa è emerso dall’autopsia

foto

Quando la madre l’ha abbandonato, dentro una busta della spesa, nel parcheggio di un supermercato di Terni, era ancora vivo, a ucciderlo sarebbe stato il caldo, unito alla mancanza di ossigeno e di cure. Questa la drammatica conferma dall’autopsia eseguita sul corpicino del neonato. A raccontare che il figlioletto era vivo era stata, la madre, ora denunciata a piede libero.

 

CONFESSIONE DELLA MAMMA

Incensurata di 27 anni, in condizioni di disagio economico, la donna ha confessato di aver lasciato il bambino. Rischia 12 anni. Una vicenda “bruttissima”, l’ha definita l’avvocato della donna, Alessio Press,i sottolineando che al momento la madre è “sotto shock”.  “Siamo di fronte ad una storia che ci dice il malessere sociale a cui siamo arrivati”, ha dichiarato il legale. Dovremo anche capire le sue condizioni mentali e anche verificare i rapporti famigliari, con il padre e con la madre. Ho anche allertato i servizi sociali perché possano approfondire la questione”.

 

PARTORITO A CASA
La donna ha raccontato di aver nascosto la gravidanza al compagno e ai familiari, per poi partorire nel bagno di casa tagliando il cordone ombelicale nel bidet. L’uomo non si sarebbe accorto di nulla date le sue dimensioni corpulente. Avrebbe poi avvolto il figlioletto appena nato in un asciugamano e lo avrebbe messo con tutta la placenta in una busta, poi abbandonata nel parcheggio del supermercato dove è stata fatta la tragica scoperta: una donna, che ha intravisto il sacchetto ed è corsa ad avvertire le commesse del supermercato. Purtroppo era già tardi. “La mia assistita ha detto di essere uscita di casa con il compagno, di aver messo la busta con il piccolo ancora vivo nel bagagliaio, di aver detto all’uomo di entrare nel negozio, poi lei ha lasciato il piccolo nella busta aperta nell’aiuola adiacente al parcheggio. Ha spiegato più volte che sperava qualcuno lo trovasse vivo”.

SEGUICI SU FACEBOOK: